Rotondi ricorda Bianco: “La sua eredità lo fa diverso da tutti i politici “

0
97


In occasione della  commemorazione di  Gerardo Bianco   al conservatorio Cimarosa Gianfranco Rotondi ripercorre una parte del suo percorso politico  iniziato proprio con il parlamentare  della democrazia cristiana scomparso. “Il mio rapporto con Bianco è stato un lunghissimo viaggio. Un viaggio che continua. Per Bianco la militanza è una scuola di libertà, siamo cresciuti contraddicendolo, lui ci esortava a contraddirlo in buona fede, la sua eredità lo fa diverso da tutti i politici. E’ sempre stato attento ai fenomeni nuovi, anche quando erano lontani”.

 Pierferdinando Casini invece nel suo intervento  si sofferma prima su Fiorentino Sullo: “Mio padre, esperto di formazione professionale, era suo consulente, ho un ricordo indelebile”.  Poi rende omaggio a Ciriaco De Mita, Antonio Maccanico e Nicola Mancino “ha sempre rivolto un servizio di grande lealtà del paese”.  Poi Casini si rivolge a Piantedosi: “raccogli un’eredita importante. L’Irpinia è cosi forte che ha fatto sentire la sua presenza nel governo”. Poi si sofferma su Bianco  un patrimonio immenso per la DC. “Gerardo è stato l’ultimo de gasperiano nella sua aderenza ai principi europei, capace di riportare Europa alla concretezza. Oggi rivendichiamo con 30 anni di ritardo vocazione europea. Era convinto del rapporto con gli Usa e della forza dei valori cristiani. Non c è stata parte politica che ha sollevato qualche rilievo,anche nei momenti di dissenso, mai la sua dimensione morale ha vacillato”.


Post Views: 30

Previous articleGerardo Bianco, il ricordo del direttore del Corriere: “mi colpì la sua attenzione al Sud”



Source link

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here