Ricette ai funghi golose e leggere

0
21


Poco calorici, i funghi regalano gusto e carattere ai tuoi menu. Ecco tre piatti originali tratti da uno splendido libro illustrato

funghi hanno poche calorie, visto che sono composti fino al 90% d’acqua, e sono ricchissimi di oligoelementi e vitamine, soprattutto del gruppo B. In più danno gusto e carattere ai tuoi piatti. Ecco tre ricette da provare, tratte dal libro Non solo ricette: Funghi (di Linda Louis, Nomos Edizioni, 19,90 €), che è anche una guida naturalistica ricca di informazioni.

  • Tortini ai finferli e broccoli


Ingredienti per 6 tortini

Pasta brisée: 200 g di farina di farro monococco, 30 g di noci in polvere, 1 cucchiaio di olio d’oliva, un pizzico di sale, da 80 a 100 ml di acqua tiepida. Ripieno: 200 g di finferli piccoli, 200 g di broccoli, 200 ml di panna di soia, 2 uova, un pizzico di sale e di pepe macinato al momento, 1 cipolla rossa sminuzzata finemente, olio d’oliva

308 calorie

Prepara la pasta brisée: mescola la farina di farro con le noci e il sale, disponila a fontana, versa l’olio e l’acqua. Impasta fino a ottenere una palla omogenea. Lascia raffreddare. Prepara i finferli: taglia il gambo terroso, pulisci le pieghe e il cappello con una spazzolina umida. Taglia a metà i funghi più grossi. Mettili da parte. Lava i broccoli. Mescolali con la panna, le uova, il sale e il pepe nero. Preriscalda il forno a 180 °C. Stendi la pasta sul piano di lavoro infarinato. Taglia 6 cerchi con un diametro adatto a quelli dei tuoi stampi per i tortini. Sistema l’impasto nello stampo, appiana i bordi e buca il fondo con una forchetta. Disponi la crema di broccoli sul fondo degli stampi. Sistema i finferli con attenzione, disponi la cipolla rossa. Irrora ogni tortino con un filo d’olio d’oliva. Fai cuocere per 20-25 minuti finché i finferli non sono ben dorati.

Fa bene perché. «È un ottimo antipasto veg: una crema deliziosa da servire su bruschette di pane», commenta Maria Paola Dall’Erta, biologa chef.

  • Finto foie gras con steccherini 


245168Ingredienti per 4 persone

25 g di mandorle bianche, 50 g di burro di cacao crudo, 3 spicchi d’aglio, 1 piccola cipolla gialla, 1 cucchiaio di olio di semi di girasole, 80 g di steccherini (o di finferli o di shiitake pronti), 200 g di castagne pelate e cotte (o di ceci cotti), 1 cucchiaio di cognac, 1 c.no di lievito maltato, 1 cucchiaio di olio di nocciole o di noci, 4 g di sale, pepe nero, noce moscata, chiodi di garofano

273 calorie

Quattro ore prima di iniziare a cucinare, immergi le mandorle in una ciotola di acqua fredda. Grattugia finemente il burro di cacao e scioglilo a bagnomaria a fuoco molto basso. Quindi versalo in una ciotola e mettilo nel frigorifero. Sbuccia e trita finemente l’aglio e la cipolla. Rosolali in padella con un po’ di olio di semi di girasole. Aggiungi gli steccherini e cuoci per 5 minuti. Aggiungi un po’ d’acqua se sono troppo asciutti. Mescola in padella con castagne, cognac, lievito maltato, olio di nocciole, mandorle, sale, pepe macinato e spezie, fino a ottenere una purea ben amalgamata. Versa man mano il burro di cacao raffreddato, ma ancora liquido, sulla purea continuando a mescolare per ottenere una preparazione spumosa. Assaggia e aggiusta di condimento, se necessario. Versa il tutto in un barattolo e mettilo in frigorifero per almeno 24 ore prima di degustare su pane tostato con un pizzico di sale e pepe pestato.


Fa bene perché
. «È un piatto nutriente e ricco di antiossidanti», commenta Maria Paola Dall’Erta. «Accompagnalo con una insalata verde».

  • Tortino ai funghi misti e quinoa


245169Ingredienti per 4 persone

Gâteau: 250 g di scalogno grigio, 20 g di burro, 1 c.no di zucchero di canna integrale, 160 g di quinoa (400 g cotta), 80 g di concentrato di pomodoro, sale. Guarnizione: 100 g di agarici mascherati (da piccoli a medi), 100 g di funghi porcini (piccoli), 100 g di prataioli (piccoli), 100 g di finferli, 100 g di pleurotus, olio d’oliva, sale

256 calorie

Sbuccia e trita finemente gli scalogni. Per una ventina di minuti cuocili a fuoco moderato coperti in una piccola padella con il burro. Aggiungi un po’ d’acqua per diluire il liquido di cottura e dare agli scalogni un colore ambrato. Cospargi con zucchero di canna integrale a fine cottura per caramellare. Nel frattempo, cuoci la quinoa in una casseruola d’acqua bollente. Conta 15-18 minuti di cottura: la quinoa dovrebbe essere tenera ma non fino a diventare purea. Aggiungi il concentrato di pomodoro a fine cottura. Sala, assaggia e aggiusta di condimento, se necessario. Fodera uno stampo quadrato da 25 cm con carta da forno. Riempi il fondo con la quinoa, premendo con decisione e lisciando la superficie. Fai lo stesso con la confettura di scalogno.

Prepara i funghi eliminando i gambi terrosi. Lascia interi gli agarici mascherati, i prataioli e i finferli. Taglia i porcini a fettine spesse 1 cm. Taglia i pleurotus più grossi a metà e puliscili con una spazzolina o una spugna umida. Se i finferli sono troppo terrosi, immergili molto rapidamente in un bagno d’acqua fredda e scolali bene su un panno spesso. Cuoci i funghi in una padella capiente con un filo di olio d’oliva, senza mescolarli troppo. Conta 10 minuti di cottura, e lasciali coperti se non sono abbastanza umidi. Lascia raffreddare. Preriscalda il forno a 180 °C. Disponi i funghi in strisce decorative. Condisci con sale e un filo di olio d’oliva. Fai cuocere per 20-25 minuti finché i funghi diventano leggermente dorati.

Fa bene perché. «Un tortino leggerissimo, che unisce i funghi alla quinoa, uno pseudocereale adatto anche a chi è intollerante al glutine», spiega l’esperta.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 24 di Starbene in edicola dal 17 novembre 2020




Source link

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here