Le piante adattogene che ci proteggono dagli sbalzi di temperatura

0
6


Le piante adattogene potenziano la capacità dell’organismo di far fronte agli stress fisici e psichici. Qui trovi le loro particolarità e le dosi consigliate come difesa in vista del cambio di stagione

I cambiamenti climatici hanno modificato la stagione fredda. Il vecchio clima mediterraneo, caratterizzato da un
inverno mite e stabile, ha lasciato spazio a continui sbalzi caldo-freddo, che sottopongono l’organismo a un certo
stress. In aiuto alle tue difese immunitarie possono venire le cosiddette piante adattogene, che contengono sostanze in grado di aumentare la capacità dell’organismo di affrontare i continui cambiamenti. 

Ecco quelle da provare.

  • Withania, il ginseng indiano

Pianta molto utilizzata dalla medicina popolare indiana, la Withania ha anche proprietà antinfiammatorie.

Dosi: estratto secco, 1-2 compresse da 300-400 mg, 2-3 volte al giorno.

  • 111521Schisandra, le bacche dai 5 aromi

Diffusissima in Cina, la Schisandra è preziosa anche per stimolare il cuore e il sistema nervoso.

Dosi: estratto secco, 1-2 compresse da 300 mg, 2-3 volte al giorno

  • 120515Rodiola, la radice dorata

La Rodiola è particolarmente utile anche negli stati di ansietà, paura, calo dell’umore.

Dosi: estratto secco, 1-2 compresse da 200-300 mg, 2-3 volte al giorno.

  • Astragalo, la pianta dell’energia

Grazie agli effetti antibatterici, l’Astragalo è utile anche in caso di malattie respiratorie.

Dosi: estratto secco della radice, da 900 a 2500 mg al giorno.

  • 81520Ginseng, il tonico per lui

Il ginseng rinforza l’organismo. Inoltre questa radice è un valido alleato contro la disfunzione erettile.

Dosi: estratto secco, 1-1,5 g al giorno.

Contro l’orticaria

L’ipersensibilità al freddo può scatenare un attacco di orticaria, caratterizzata dalla comparsa improvvisa, diffusa o circoscritta, di pomfi sulla pelle che talvolta causano prurito.

Il rimedio naturale che si può utilizzare per placare il fastidio è la piantaggine, da assumere come soluzione idroalcolica: 50 gocce, 1-3 volte al giorno.

Una coccola per le mani

Quando fa freddo, la pelle produce meno lipidi e quindi rimane più secca e sensibile agli attacchi delle basse temperature. Fra le zone particolarmente esposte ci sono le mani.

Se vuoi coccolarti, la sera prima di metterti a letto regalati un massaggio, dito per dito, con olio di mandorla oppure di jojoba, cominciando dal mignolo. Un trattamento molto piacevole anche sui piedi.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

LEGGI ANCHE: Come proteggersi dall’inverno mutato dai cambiamenti climatici








Source link

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here