5 buoni motivi per riconnettersi con la natura

0
21


Oggi solo il 6% della popolazione mondiale vive a stretto contatto con la natura: una estraniazione che provoca disagi a livello fisico e psicologico. Marcella Danon, ecopsicologa autrice del libro Clorofillati (Urra Feltrinelli), spiega che per contrastare questo “deficit di vitamina N”: «Possono funzionare anche parchi e giardini urbani, persino il contatto con piante e animali domestici. La natura, infatti, ce l’abbiamo dentro, è inscritta nei nostri geni, è la nostra origine».

Ecco 5 buoni motivi per riconnetterci con la natura.

Ti stacchi dallo stress «Trascorrere almeno mezz’ora in un ambiente naturale regolarizza battito cardiaco, respirazione, pressione, inducendo una sensazione di rilassamento e benessere», riferisce Marcella Danon.

Liberi le tue potenzialità «Entrare nella natura con attenzione e rispetto attiva un processo interiore di maggior connessione con se stessi. Le emozioni trovano una via di scarico spontanea, la mente si schiarisce, l’intuizione si risveglia e le decisioni diventano più semplici».

Rafforzi le relazioni «Uscire con altre persone all’aperto aiuta a conoscersi meglio perché implica sperimentarsi in situazioni fuori dall’ordinario, magari comunicando in silenzio, con gesti e sguardi», spiega l’esperta.

Ampli la visione della vita «In natura l’attenzione non è più selettiva ma diffusa, aperta a stimoli provenienti da diverse direzioni. C’è un coinvolgimento sia della dimensione cognitiva, attenta a quello che c’è, sia di quella immaginativa, focalizzata su ciò che potrebbe esserci. E la stress ne beneficia», continua la psicologa.

Accetti meglio il cambiamento «La natura insegna che, nella vita, il cambiamento è la regola. Frequentarla riporta a un ritmo organico e non più meccanico e rende più facile accettare novità e imprevisti», conclude l’autrice di Clorofillati.

Fai la tua domanda ai nostri esperti












Source link

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here